8 vicentini - reportage di una fantastica avventura

Gli abbiamo trasportato le moto a Marrakech e organizzato 8 giorni indimenticabili con le tracce GPS, le belle strutture serali e una jeep di assistenza. Gli è rimasto il compito di divertirsi !

Le mappe in miniatura con la traccia Gps e Wpt di riferimento
Sebastiano A. responsabile e guida del gruppo
Scesi dall'aereo si sono trovati il camion con moto e attrezzature sul piazzale dell'aeroporto. Il tempo di sistemare le ultime cosette, vestirsi, attivare la traccia del giorno, benzina e via per una nuova avventura ! (il camion gli recupererà le moto a fine giro - libidine . .)
Uomini e mezzi capitanati da Sebastiano. Dalle piogge del nord Italia catapultati in 24 hh in un clima primaverile caldo ed accogliente
A fine riparazione una bella foto ricordo per la simpatia che si è attivata. Adesso si va in hotel a riposare e mangiare, la giornata partita dall'Italia è stata lunghina
Sulle prime pendici dell'Alto Atlante i panorami si fanno già incredibili (Manuel)
Si montano i supporti per i GPS, ci si organizza con le borse da mettere sulla jeep assistenza, la partenza è imminente . . l'adrenalina sale
Sosta in un oasi di montagna al riparo delle palme che tra poco daranno il loro frutto
Un autografo in arabo bel ricordo di un viaggio unico
Una sosta a contemplare panorami inconsueti. Ai bordi dell'oasi le case costruite con lo stesso materiale della terra (Sebastiano)
Via per la seconda tappa. Lo sterratone che scende giù dopo aver attraversato l'Atlante e le sue montagne colorate di rosso
Forse un pò stanchi ma soddisfatti . . anzi di più ! A fine tappa la struttura è tanto tipica quanto accogliente
E che dire di una profumata e succulenta cena tipica marocchina preparata dalle sapienti mani della cuoca della struttura serale dopo una giornata più che campale ? E che dite se vi dico che i ragazzi tra una borsa sportiva e l'altra c'hanno pure infilato 'qualche' cartone di buon prosecco ? . .. . bas t di
Un pò di enduro sulle pietre e i solchi, il gruppo si sta 'guadagnando' la meta, ma in che scenario !
La sensazione è forse molto ricorrente, ma in determinati panorami ci si domanda se si è in Nord Africa oppure in qualche angolo degli States :) . ... e la pista corre fino a perdersi in fondo alla valle
Pinzino per un chiodino ma senza buchino .... è andata bene . .
L'armata 'Vicenza' fa bella mostra di se nella foto ricordo con uno sfondo magnifico
Sabbia !!! Finalmente . .. . d'ora in avanti sempre più sabbia sino alla totale full-immersion (senza esagerare)
Ora la brigata ben nutrita, e non solo ????, dorme sonni tranquilli in un accampamento (si fa per dire) nel deserto del Sahara Erg Chebbi
Domani il programma prevede una tappa 100% deserto abbastanza impegnativa, per cui riposate bimbi
La sera, dopo una intensa giornata di guida ad alto grado di gratificazione, l'adrenalina lascia ma mano il posto alla quiete riflessiva del deserto che arriva come la risacca del mare morbida e costante .. .
Un ultimo saluto al tramonto nel Sahara, domani si rientra verso nord con due tappe impegnative e spettacolari. Nella mente in questi momenti riecheggia una vocina che ti dice "devi tornare . .
La in fondo il lago Moulay Youssef per raggiungerlo una discesa su pista sterrata da favola tra coltivazioni e case rurali. In fondo le cime dell'Atlante
Stop sul ponte che attraversa il lago Moulay Youssef
Simpatici incontri tra le montagne sperdute
Meritato the di benvenuto offerto da vecchi amici proprietari dell'hotel